Cassazione, è reato accedere al profilo Facebook del partner

ROMA – In seguito alla sentenza della Corte di Cassazione, in due pronunce rese il 22 gennaio 2019, la numero n. 2905 e la n. 2942 viene definito reato l’accesso abusivo a sistema informatico il caso in cui una persona acceda al profilo Facebook del proprio partner, anche se quest’ultimo gli ha fornito in modo volontario i dati di accesso.
“si ottiene un risultato in contrasto con la volontà della persona offesa ed esorbitante rispetto a qualsiasi possibile ambito autorizzatorio del titolare dello ius excludendi alias, vale a dire la conoscenza di conversazioni riservate e finanche l’estromissione dall’account Facebook della titolare del profilo e l’impossibilità di accedervi”.
Fate attenzione quindi ad incorrere nel reato di sostituzione di persona e di accesso abusivo a sistema informatico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi