Rcs Galileo, software spia Made in Italy

L’impresa italiana Hacking Team, con sede a Milano, ha sviluppato questo software che si chiama RCS/Galileo (Remote Control System), un programma venduto solo a governi ufficiali e studiato per le forze di polizia e per i servizi segreti,  per “Combattere il crimine in maniera semplice, attraverso una tecnologia “offensiva” facile da usare”.

La Hacking Team è balzata per la prima volta agli onori della cronaca nel 2012 quando si scoprì che la sua prima versione del software di spionaggio per cellulari veniva usata per spiare l’organo di stampa marocchino Mamfakinch, e l’attivista per i diritti umani degli Emirati Arabi Uniti Ahmed Mansoor. Recentemente RCS è stato anche utilizzato per spiare i giornalisti etiopi a Washington DC.

Ma cerchiamo di capire più da vicino il funzionamento di questo controverso software RCS/Galileo.

Esso permette, in primo luogo, di avere un controllo totale sui dati contenuti nel cellulare del soggetto “obiettivo”; in particolare di attivare da remoto il microfono del cellulare, qualunque sia il sistema operativo utilizzato (Android,  iOSBlackBerry).
In tal modo il cellulare diventa un normale radio microfono, di quelli usati per le intercettazioni ambientali.

Il sistema RCS è stato progettato per estrapolare dati dai pc e cellulari infettati, attraverso reti segrete di “proxy server“, e riciclarli in paesi terzi, fino a farli arrivare ad una “destinazione finale” che è, in genere, il governo che conduce l’attività di spionaggio. Tutta questa triangolazione è stata studiata per nascondere l’identità del governo che gestisce lo spionaggio. Ad esempio i dati destinati verso un punto finale in Messico sembrano essere indirizzati attraverso quattro differenti proxies, ciascuno dei quali dislocato in un diverso paese. Il punto di raccolta dei dati viene fornito da uno o più fornitori del programma Galileo, tra i quali Hacking Team.

Come funziona RCS Galileo
Il sistema riesce ad entrare e gestire le seguenti funzioni ed applicazioni del telefono: Wi-Fi, GPS, GPRS, Registratore vocale, E-mail, SMS, MMS, Lista dei files, Cookies, Pagine Web visitate e registrate, Registro telefonate, Note, Calendario, Clipboards, Lista delle Apps attive, Credito della SIM, Microfono, Video camera, Chats, WhatsUpp, Skype, Viber, la registrazione delle attività di tutte le applicazioni utilizzate.

Fonte: Repubblica.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi