Spiare e filmare la vicina che fa la doccia non è reato, lo dice la cassazione

VARESE – Spia la vicina di casa mentre fa la doccia e la filma ma per la cassazione non è reato!
In primo luogo era stato condannato a due mesi di reclusione dal Tribunale di Busto Arsizio ma la cassazione alla fine gli da ragione, infatti da quanto si legge nella sentenza non è violazione della sua privacy, a patto che non abbia le tende in bagno.
In più, i giudici hanno sottolineato che il giovane trentasettenne non aveva utilizzato nessuna particolare tecnologia, un normale telefono. Niente violazione della privacy quindi. La donna, a detta i giudici, avrebbe dovuto provvedere a mettere le tende nel suo bagno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi